2 minuti di lettura

L’applicazione dei modelli ad agenti ai temi quali il cambiamento climatico e la transizione energetica è un ambito relativamente inesplorato, nonostante questa metodologia risulti essere particolarmente adatta per analizzare la politica climatica da una prospettiva bottom-up. I modelli ad agenti (ABM) esistono da decenni e la loro applicazione in economia ha avuto un sempre crescente rilievo a partire dalla crisi finanziaria del 2007, soprattutto nell’analisi di fluttuazioni economiche e finanziarie endogene (come per esempio le bolle e le crisi).

“Modello ad agenti – ABM” per la transizione energetica è un progetto di ricerca finalizzato a comprendere e interpretare la transizione energetica in relazione alla sfida dello sviluppo sostenibile e del cambiamento climatico. Attraverso un approccio ad agenti il progetto pone la sua attenzione ai maggiori driver del cambiamento nelle dinamiche energetiche globali e agli aspetti economici, tecnologici e sociali.

L’obiettivo generale del progetto è la creazione di un modello ad agenti contestualizzato in ambito energetico ed ambientale. In particolare il progetto intende analizzare nel dettaglio i possibili scenari futuri e comprendere le dinamiche con una prospettiva multi-regionale.

Per l’anno 2022 è previsto il raggiungimento dei seguenti risultati in termini di output della ricerca:

  • Sviluppo del modello MATRIX (Multi-Agent model for Transition Risks) in grado di includere il cambiamento climatico, le politiche di mitigazione ed la sensibilità ambientale delle famiglie e dei consumatori (approccio demand-side).
  • Creazione della versione completa del modello con l’introduzione del cambiamento tecnologico e di fonti energetiche differenziate.
  •  Redazione di 3 working papers sulle 3 novità del progetto.

Impatti

Le attività ed output di progetto sono volte a fornire strumenti decisionali ed analisi empiriche a supporto delle attività dei policy makers sia in ambito di programmazione energetica che ambientale.

In termini di impatto a livello scientifico, si intende migliorare lo stato dell’arte nell’ambito dei seguenti filoni di ricerca:

  • Modelli ad agenti applicati alla economia dell’ambiente e dell’energia.
  • In termini di impatto economico sociale, si intende fornire strumenti per politiche a favore della transizione energetica green.
  • Lo studio dei modelli ad agenti permette di comprendere meglio la gestione degli shock e gli effetti distributivi.