News
November 6 2009

La strada verso Copenhagen



Si è conclusa a Barcellona l’ultima serie di incontri rilevante per la definizione di un accordo mondiale sui cambiamenti climatici post-2012, da concordare nell’ambito della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (United Nations Framework Convention on Climate Change – UNFCCC), (Copenaghen, 7-18 dicembre).

I negoziatori dovevano capitalizzare il poco tempo rimanente loro a disposizione prima della conferenza di Copenaghen per sciogliere i nodi politici cruciali rimanenti.

Secondo il comunicato stampa conclusivo dell’UNFCCC (allegato), a Barcellona sono stati riportati “progressi sull’adattamento, la cooperazione tecnologica, la riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado delle foreste nei Paesi in via di sviluppo (PVS) e i meccanismi di versamento dei fondi per i PVS”. “Pochi, invece, i passi avanti compiuti sui due elementi fondamentali”, sui quali rimane ancora da fare chiarezza: “gli obiettivi intermedi di riduzione delle emissioni di gas serra dei Paesi industrializzati e i finanziamenti per i PVS, in supporto alle loro attività di mitigazione e adattamento”. Secondo il Segretario Esecutivo dell’UNFCCC Yvo De Boer, “senza mettere a posto questi due pezzi del puzzle, non avremo un accordo a Copenaghen”, perciò è necessaria una “leadership del più alto livello, per sistemare tali pezzi”.

In particolare, De Boer ha chiesto ai negoziatori di consegnare a Copenaghen un testo finale che contenga “un’architettura solida” che permetta di iniziare a fornire immediatamente ai PVS le risorse di cui necessitano nel breve periodo per sviluppare sia strategie di sviluppo a basso tenore di carbonio sia strategie di adattamento, e le proprie capacità di risposta ai cambiamenti climatici. Nello stesso tempo, i Paesi industrializzati dovrebbero indicare anche il modo in cui intendono aumentare i finanziamenti nel lungo periodo, che siano prevedibili e sostenibili, e definire tali impegni.

“E da ora a Copenaghen”, ha concluso De Boer, “i governi devono fornire la chiarezza necessaria affinché i negoziatori possano completare il proprio
lavoro”.

Fonte: (Comunicato stampa conclusivo) UNFCCC (6 novembre) “UNFCCC Executive Secretary: Governments can and must deliver strong Copenhagen deal”

Ulteriori informazioni: UNFCCC, “Barcelona Climate Change Talks 2009”


UNFCCC

FEEM Update

Subscribe to stay connected.

Your personal data will be processed by Fondazione Eni Enrico Mattei. – data Controller – with the aim of emailing the FEEM newsletter. The use of Your email address is necessary for the implementation of the newsletter service. You are invited to read the Privacy Policy in order to obtain additional information about the protection of Your rights.

This Website uses technical cookies and cookie analytics, as well as “third party” profiling cookies.
If you close this banner or you decide to continue navigating on this Website, you express consent to the use of cookies. If you need additional information or you wish to express selective choices on the use of cookies, please refer to the   Cookie PolicyI agree