Progetti
Finanziato da: Fondazione Eni Enrico Mattei
gennaio 2019 / dicembre 2021

UrbanAfrica - Urbanisation in Africa

Nei paesi in via di sviluppo la demografia urbana sta cambiando radicalmente sotto la pressione di una sostanziale migrazione dalle campagne alle città. Non sorprende che la maggior parte della crescita urbana globale dei prossimi trent’anni avrà luogo in Africa e Asia. Mentre in Asia è prevista una stabilizzazione della popolazione urbana, per l’Africa si prospetta una continua crescita. La conseguenza è che il continente dovrà presto affrontare le sfide poste da una rapida e crescente urbanizzazione.

Facendo riferimento all’esperienza degli scorsi decenni, una buona parte di questa crescita si concentrerà in poche grandi città, principalmente le capitali e alcune città di secondo livello. Nonostante un’urbanizzazione concentrata crei opportunità tramite economie di agglomerazione e accesso al lavoro e servizi primari (come educazione e servizi sanitari), genera anche problemi sociali legati al traffico, alla gestione dei rifiuti, alla fornitura dell’acqua, all’accesso a buone condizioni igieniche e una rete moderna di distribuzione dell’energia. Come mostra l’esperienza di altri paesi in via di sviluppo, quando i cambiamenti strutturali dell’economia non vanno di pari passo con una rapida urbanizzazione, questo risulta in un’espansione urbana diffusa sul territorio. A maggior ragione, questo fenomeno si accompagna con la marginalizzazione delle periferie caratterizzate da una bassa qualità della vita, a volte anche inferiore rispetto alle zone rurali.

Questo programma vuole indagare come modelli alternativi di sviluppo urbano, con diversi livelli di concentrazione spaziale, contribuiscono allo sviluppo economico dei paesi, al miglioramento delle condizioni sociali della popolazione anche delle zone marginalizzate, all’aumento della resilienza a eventi climatici estremi. Per raggiungere questo obiettivo verranno utilizzati diversi approcci, che spaziano da analisi di tipo quantitativo di confronto tra città, ad analisi geografiche per identificare andamenti caratteristici delle città, fino all’articolazione di casi studio. Questo permetterà di fornire una piena conoscenza dei molteplici aspetti coinvolti nel processo di urbanizzazione in Africa, al fine di contribuire a una pianificazione sostenibile nel continente.

Risultati Principali
  • Espansione urbana e crescita socio-economica di paesi in Africa
    Poiché vari paesi altamente urbanizzati in Africa sono passati da uno stadio di reddito basso a uno di reddito medio, la promozione dell’urbanizzazione è spesso associata a una strategia vincente per lo sviluppo economico delle città africane. Tuttavia ci sono diversi problemi legati sia alle conseguenze negative sull’ambiente e sulla società (come emissioni atmosferiche, traffico e gestione dei rifiuti) sia all’insufficiente capacità di fornire adeguate infrastrutture e servizi. Questo programma considera gli effetti di entrambi i fenomeni, urbanizzazione e concentrazione urbana, sulla crescita economica di paesi e città oltre che su indicatori ambientali e di benessere sociale. Il programma intende quantificare i benefici economici e i costi socio-ambientali della concentrazione urbana in Africa. Il confronto dei costi e dei benefici per i diversi modelli di urbanizzazione può fornire delle linee guida verso una migliore integrazione tra le performance economiche, sociali e ambientali delle città.
  • I confini delle aree metropolitane in Africa
    La relazione tra urbanizzazione e crescita economica è stata più volte testata per le città occidentali, in particolare in Europa e negli Stati Uniti. Le città in Africa presentano sostanziali differenze che richiedono una sistematica valutazione di questa relazione in un contesto diverso. Tra queste c’è una mancanza di dati comparabili a livello di città che ostacola una definizione di confini della città chiara e condivisa. La regione dell’Africa sub-sahariana (SSA) include paesi molto diversi tra loro che a loro volta contengono città con strutture amministrative varie. In collaborazione con altri programmi all’interno di FEEM, questo progetto intende sopperire a questa mancanza per fornire una definizione armonizzata di città che includa le zone di pendolarismo dove solitamente si concentrano le aree più marginalizzate. L’obiettivo finale è la costruzione di una banca dati dei confini delle città dell’area SSA associati a informazioni relative a temi urbani come l’uso del suolo, popolazione, generazione di ricchezza, struttura economica e condizioni sociali.
  • Città resilienti
    Per affrontare il cambiamento climatico diverse città in Africa hanno adottato delle strategie che si sono rivelate più o meno vincenti. Questo progetto vuole raccoglierne gli esempi migliori con l’obiettivo di testare la loro efficacia nel contesto urbano. Sfruttando degli shock ambientali o energetici, l’attenzione sarà volta alla valutazione delle diverse risposte che le città hanno avuto per sopravvivere a questi stress. L’approccio di questo progetto è quello di mettere a confronto i diversi livelli di cambiamento economico e di benessere a seguito di questi eventi climatici estremi. Inoltre, si vogliono isolare quali sono i fattori decisivi per una efficace strategia di resilienza.
Team di progetto
Responsabile del progetto
Beghelli Silvia
Research Fellow
silvia.beghelli@feem.it Leggi

FEEM Newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato.

I Suoi dati saranno trattati dalla Fondazione Eni Enrico Mattei. – Titolare del trattamento – per ricevere via posta elettronica la newsletter della Fondazione. Il conferimento dell’indirizzo e-mail è necessario alla fornitura del servizio. La invitiamo a consultare la Privacy Policy per ottenere maggiori informazioni a tutela dei Suoi diritti.

Guarda questo
contenuto in inglese
Questo Sito utilizza cookie tecnici e analytics, nonché consente l’invio di cookie di profilazione di terze parti.
Chiudendo questo banner o comunque proseguendo la navigazione sul Sito manifesti il tuo consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni e per esprimere scelte selettive in ordine all’uso dei cookie vedi la   Cookie PolicyOk