Progetti
Finanziato da: Fondazione Eni Enrico Mattei
gennaio 2019 / dicembre 2021

CEc - Circular Economy

Le attuali tendenze demografiche e i cambiamenti negli stili di vita e nelle preferenze stanno rimodellando la domanda globale per i beni di consumo, con ripercussioni sulla produzione di materie prime ed energia, sulle emissioni di anidride carbonica e sulla gestione dei rifiuti. Svincolare la crescita economica dall’uso di risorse naturali e dagli impatti ambientali è considerato un obiettivo desiderabile e raggiungibile con una consistente riduzione del consumo di materie prime, la cui produzione è responsabile della maggior parte delle emissioni di anidride carbonica.

L’economia circolare, nella sua concettualizzazione olistica, è un’economia basata sul riutilizzo dei materiali e su un loro impiego più efficiente. Il passaggio da un approccio economico lineare a un approccio circolare prevede una riduzione dell’impronta carbonica e della produzione di rifiuti. Seppur promosso come un modello sostenibile di produzione e consumo, manca, ad oggi, una valutazione complessiva degli impatti ad esso legati. Dati e informazioni rispetto agli impatti tangibili di un tale modello sono infatti profondamente legati alle specificità di contesto e di settore.

Questo progetto mira a fornire un quadro di insieme sullo stato dell’arte riguardante l’implementazione dell’economia circolare in modelli di business e norme europee. Per raggiungere questo obiettivo combina evidenze di diverso tipo, derivanti da analisi empiriche, casi studio e buone pratiche raccolti attraverso la partecipazione alla Piattaforma Italiana per l’Economia Circolare (ICESP) promossa da ENEA.

Risultati Principali

L’economia circolare e il suo contesto operativo
Nonostante nel corso degli ultimi anni siano emerse diverse concettualizzazioni di economia circolare, i diversi approcci non riescono a fornire una definizione chiara, univoca e generalmente condivisa. L’ambizione di questo programma è quella di fare chiarezza su questa eterogeneità semantica, andando a definire il perimetro di azione e definizione dell’economia circolare rispetto a concetti ad essa collegati come green economy, bioeconomy e sharing economy. Le attività si concentreranno sull’identificazione dei fattori strategici legati all’economia circolare e al potenziale ruolo di nuove politiche e istituzioni. Tali attività saranno volte, inoltre, ad analizzare gli aspetti legati all’implementazione di nuovi modelli di business e le varie iniziative promosse in Italia e Europa.

La Piattaforma Italiana per l’Economia Circolare (ICESP)
L’obiettivo della Piattaforma Italiana per l’Economia Circolare (ICESP) è quello di creare un network di attori interessati a condividere iniziative, esperienze, aspetti critici e prospettive legate alla realizzazione di approcci circolari per il business e l’economia in generale. Forte del suo ruolo riconosciuto di partner scientifico con un’esperienza consolidata di ponte tra la ricerca accademica e il mondo politico, FEEM partecipa alla piattaforma, al fine di sfruttare al meglio le esperienze e le informazioni raccolte e combinarle con le proprie competenze scientifiche per produrre chiare raccomandazioni strategiche. 

Responsabile del progetto
Pareglio Stefano
Scientific Coordinator del Programma di Ricerca "Firms And Cities Towards Sustainability - FACTS"
stefano.pareglio@feem.it Leggi

FEEM Newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato.

I Suoi dati saranno trattati dalla Fondazione Eni Enrico Mattei. – Titolare del trattamento – per ricevere via posta elettronica la newsletter della Fondazione. Il conferimento dell’indirizzo e-mail è necessario alla fornitura del servizio. La invitiamo a consultare la Privacy Policy per ottenere maggiori informazioni a tutela dei Suoi diritti.

Guarda questo
contenuto in inglese
Questo Sito utilizza cookie tecnici e analytics, nonché consente l’invio di cookie di profilazione di terze parti.
Chiudendo questo banner o comunque proseguendo la navigazione sul Sito manifesti il tuo consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni e per esprimere scelte selettive in ordine all’uso dei cookie vedi la   Cookie PolicyOk