External Publications
2019

Ultima chiamata per dire addio al carbone


Autori: Simone Tagliapietra
Pubblicato in: Il Sole 24 Ore, 3 luglio 2019

Abstract

A causa dell’opposizione di Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria e Polonia, i leader europei non sono riusciti, nel summit di giugno, ad adottare l’obiettivo di neutralità climatica al 2050. Tale obiettivo, che implica che entro il 2050 l’Europa debba assorbire tutte le emissioni di gas serra da essa emesse, ha acquisito slancio nell’ultimo mese. Se a maggio solo otto Paesi sostenevano questo obiettivo, oggi il fronte si è allargato a 24 Paesi.

I leader europei devono ora convincere i quattro Paesi contrari a sciogliere le loro riserve, per arrivare a raggiungere un accordo unanime sull’obiettivo 2050 prima del prossimo summit delle Nazioni Unite sul clima di settembre.

Tale incontro sarà di cruciale importanza per il futuro dell’accordo di Parigi. Per rimanere all’avanguardia dell’azioneglobale per il clima, l’Europa deve arrivare a New York con l’obiettivo della neutralità climatica al 2050 in tasca, anche per spingere la Cina e gli altri principali emittori a seguire la stessa strada.

links
Link
Ultima chiamata per dire addio al carbone

FEEM Newsletter & Update

Iscriviti per rimanere aggiornato.

I Suoi dati saranno trattati dalla Fondazione Eni Enrico Mattei. – Titolare del trattamento – per ricevere via posta elettronica Newsletter & Update della Fondazione. Il conferimento dell’indirizzo e-mail è necessario alla fornitura del servizio. La invitiamo a consultare la Privacy Policy per ottenere maggiori informazioni a tutela dei Suoi diritti.

Questo Sito utilizza cookie tecnici e analytics, nonché consente l’invio di cookie di profilazione di terze parti.
Chiudendo questo banner o comunque proseguendo la navigazione sul Sito manifesti il tuo consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni e per esprimere scelte selettive in ordine all’uso dei cookie vedi la   Cookie PolicyOk