Equilibri
2021

Equilibri 2021.2 La Terra guasta



Abstract

Questo numero di “Equilibri” ruota intorno agli effetti del cambiamento climatico in atto e alle urgenti politiche di contrasto, condivise da tutti i governi della Terra, che però mancano di un programma di azioni immediate e coordinate. I rapporti di forza attraverso la lotta e il negoziato sulla produzione e la redistribuzione, in un quadro di risorse limitate, potranno essere modificati con un lungo lavoro di affinamento per evitare la "catastrofe".

La "transizione", infatti, non è un fatto tecnico né immediato – il semplice passaggio da una situazione a un’altra – ma un processo storico identificato con una particolare fase di trasformazione della società. Quella in cui la riproduzione dei rapporti economico-sociali si trova ad affrontare difficoltà sempre maggiori e contestualmente appaiono nuove istituzioni, attori e forze produttive capaci di rispondere alla crisi che si è manifestata.

L’aspetto inedito dell’attuale "transizione ecologica" è che deve essere rapida (da realizzarsi entro il 2050) ed è indotta dall’alto, grazie a una cooperazione internazionale, mai vista in passato, tra più Stati con economie differenti e confliggenti quanto a sviluppo e governo. E questa specifica transizione porta con sé originali forme di interpretazione che, grazie al web, diventano globali e passano dalle buone pratiche sui territori all’azione collettiva di stampo ambientalista, dall’immaginario artistico alla COP26. Azioni che cercano di immaginare un assetto istituzionale, economico e politico all’altezza della crisi ecologica in cui viviamo.

links
Link
Vai al sito web della rivista

FEEM Newsletter & Update

Iscriviti per rimanere aggiornato.

I Suoi dati saranno trattati da FEEM – Fondazione Eni Enrico Mattei – Titolare del trattamento – per ricevere via posta elettronica Newsletter & Update della Fondazione. Per inviare le informazioni richieste il Titolare utilizza fornitori di servizi di e-mail sending stabiliti negli U.S.A.: per questo è necessario il Suo consenso al trasferimento del Suo indirizzo email negli U.S.A., in mancanza del quale non sarà possibile ottemperare alla Sua richiesta. La invitiamo a consultare l'informativa completa per ottenere le informazioni dettagliate a tutela dei Suoi diritti.