Briefs
2020 .01

Le azioni politiche Italiane sono in grado di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5°C?


Autori: Pietro Spataro, Laura Cavalli
Editor: Sergio Vergalli

Abstract

Il riscaldamento globale è senza ombra di dubbio una delle principali sfide del secolo e per contrastare i potenziali effetti negativi è imperativo limitarne l’innalzamento mediante l’introduzione di obiettivi di decarbonizzazione. In tale contesto internazionale, questo lavoro analizza l’efficacia e la coerenza delle politiche italiane di mitigazione del cambiamento climatico nel limitare la risalita delle temperature globali al di sotto dei 2°C e dell’1,5° C. L’analisi delle politiche nazionali e di numerosi scenari, quali gli RSE NDC_90 e Early Action_90, l’IEA B2DS e l’IPCC SR1.5 P1, evidenzia la lontananza delle strategie correnti dall’obiettivo 1,5°C e introduce la necessità di una rapida riorganizzazione politica, sociale ed economica a partire dal 2030 per il raggiungimento dell’obiettivo 2°C. Questo documento identifica potenziali pratiche per risolvere le mancanze delle politiche italiane nei settori emittenti dell’energia, dei trasporti, dell’edilizia, dell’industria e dell’agricoltura.

Download file
Scarica il file PDF
Le azioni politiche Italiane sono in grado di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5°C?

FEEM Newsletter & Update

Iscriviti per rimanere aggiornato.

I Suoi dati saranno trattati dalla Fondazione Eni Enrico Mattei. – Titolare del trattamento – per ricevere via posta elettronica Newsletter & Update della Fondazione. Il conferimento dell’indirizzo e-mail è necessario alla fornitura del servizio. La invitiamo a consultare la Privacy Policy per ottenere maggiori informazioni a tutela dei Suoi diritti.

Questo Sito utilizza cookie tecnici e analytics, nonché consente l’invio di cookie di profilazione di terze parti.
Chiudendo questo banner o comunque proseguendo la navigazione sul Sito manifesti il tuo consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni e per esprimere scelte selettive in ordine all’uso dei cookie vedi la   Cookie PolicyOk