Profilo

Rulli Maria Cristina

Senior Research Fellow

Profilo

Maria Cristina Rulli è Professore Ordinario di Idrologia al Politecnico di Milano. La sua ricerca si concentra sulla reciproca interazione tra processi idrologici e azione umana. Nei suoi lavori ha analizzato l'effetto delle esternalità ambientali, delle interdipendenze e delle teleconnessioni sulla disponibilità delle risorse naturali. In particolare, si è concentrata sul fenomeno emergente della Large Scale Land Acquisition (LSLA) e sulle sue implicazioni per l'acqua, l'energia e la sicurezza alimentare. Il suo lavoro ha contribuito a definire e quantificare il fenomeno globale del "water grabbing" e ha esplorato i suoi impatti sulla governance dell'acqua, sui mezzi di sussistenza rurali e sull'emergere di conflitti idrici. Attualmente sta studiando i problemi di sicurezza globale dell'acqua e del cibo e della sostenibilità ambientale utilizzando la prospettiva Food-Energy-Water Nexus. Sta analizzando gli effetti diretti degli estremi idrologici sulla produzione e disponibilità di cibo e gli effetti a cascata sui conflitti e sulle migrazioni umane. La sua ricerca più recente si concentra sul nesso tra sicurezza nutrizionale e risorse ambientali, in particolare l'acqua.

Contacts
Informazioni di contatto
Curriculum
Curriculum vitae

FEEM Newsletter & Update

Iscriviti per rimanere aggiornato.

I Suoi dati saranno trattati dalla Fondazione Eni Enrico Mattei. – Titolare del trattamento – per ricevere via posta elettronica Newsletter & Update della Fondazione. Il conferimento dell’indirizzo e-mail è necessario alla fornitura del servizio. La invitiamo a consultare la Privacy Policy per ottenere maggiori informazioni a tutela dei Suoi diritti.

Guarda questo
contenuto in inglese
Questo Sito utilizza cookie tecnici e analytics, nonché consente l’invio di cookie di profilazione di terze parti.
Chiudendo questo banner o comunque proseguendo la navigazione sul Sito manifesti il tuo consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni e per esprimere scelte selettive in ordine all’uso dei cookie vedi la   Cookie PolicyOk