News
9 giugno 2020

Nuove pubblicazioni internazionali - GFPLAIN ed AFRI-NEXT: l’impatto delle alluvioni su scala globale

Nuove pubblicazioni internazionali - GFPLAIN ed AFRI-NEXT: l’impatto delle alluvioni su scala globale


Le alluvioni rappresentano il fenomeno naturale che produce il danno socio-economico maggiore, tra le catastrofi naturali, con milioni di persone coinvolte e miliardi di euro di danni stimati ogni anno. I dati degli ultimi anni confermano un impatto delle piene fluviali, urbane e costiere a trend crescente con danni e vite perse in aumento rispetto alla media delle ultime decadi. Stimare preventivamente la massima intensità, frequenza ed estensione delle piene diventa fondamentale per prevenire e mitigare il loro devastante impatto. I modelli idrodinamici consentono allo stato attuale di simulare con accuratezza gli effetti delle alluvioni, ma l’incertezza ed i costi di implementazione di tali strumenti sono significativi, a volte proibitivi, soprattutto per applicazioni su scala continentale. In molti casi, soprattutto per i programmi di pianificazione territoriale ed urbana su larga scala, la perimetrazione della massima estensione delle aree a rischio idraulico è sufficiente per individuare e priorizzare le misure di salvaguardia più efficienti anche considerando la variabilità, distribuzione e pressione demografica, economica e climatica. La morfologia del terreno - disponibile oggigiorno da rilievi satellitari con elevata accuratezza e risoluzione - include implicitamente l’informazione della traccia lasciata dalle alluvioni storiche. Un team internazionale di ricercatori ha di recente pubblicato gli esiti di una ricerca che, sfruttando tale immediato principio morfologico, ha consentito di “scoprire” e quantificare l’Impatto delle alluvioni su scala globale. La release del prodotto scientifico GFPLAIN, il primo dataset mondiale di delineazione su base geomorfologica delle aree di pertinenza fluviale a rischio idraulico, ed il relativo tool GFPLAIN (disponibili rispettivamente come Open Data ed Open source) sono stati l’oggetto di una pubblicazione della rivista Scientific Data. Successivamente una Brief communication è stata da poco pubblicata sulla rivista Natural Hazards and Earth System Sciences (NHESS) con focus sul continente africano. Questa ricerca si inserisce nel contesto delle attività in corso di sviluppo del progetto FEEM Africa Water & Citizens NEXT Generation Sustainable Economy (AFRI-NEXT) coordinato dal prof. Fernando Nardi , autore principale del progetto di ricerca GFPLAIN, direttore del Centro WARREDOC dell’Università per Stranieri di Perugia e coordinatore scientifico del progetto “Water and SDGs” dell'area di ricerca Agenda 2030 presso Fondazione Eni Enrico Mattei.

links
Link
GFPLAIN250m, a global high-resolution dataset of Earth’s floodplains
links
Link
Brief communication: Comparing hydrological and hydrogeomorphic paradigms for global flood hazard mapping
links
Link
Progetto di ricerca FEEM - Water for SDGs – Africa Water & Citizens NEXT Generation Sustainable Economy (AFRI-NEXT)

FEEM Newsletter & Update

Iscriviti per rimanere aggiornato.

I Suoi dati saranno trattati dalla Fondazione Eni Enrico Mattei. – Titolare del trattamento – per ricevere via posta elettronica Newsletter & Update della Fondazione. Il conferimento dell’indirizzo e-mail è necessario alla fornitura del servizio. La invitiamo a consultare la Privacy Policy per ottenere maggiori informazioni a tutela dei Suoi diritti.

Questo Sito utilizza cookie tecnici e analytics, nonché consente l’invio di cookie di profilazione di terze parti.
Chiudendo questo banner o comunque proseguendo la navigazione sul Sito manifesti il tuo consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni e per esprimere scelte selettive in ordine all’uso dei cookie vedi la   Cookie PolicyOk