ARTICOLI
19 May 2010

Fondi sovrani in frenata del 40%


Source: Il Sole 24 Ore - Finanza e Mercati


Abstract

Un anno da dimenticare

Iniziamo dai numeri del 2009, che mostrano una vera e propria debacle. Dopo essere intervenuti, nelle prime fasi della crisi finanziaria, per salvare le banche acquistando quote importanti di molti istituti Usa, nel 2009 hanno tirato i remi in barca. Durante l'intero anno, i fondi sovrani hanno infatti ridotto drasticamente gli investimenti: lo studio ne ha contati 113 per un importo di 68,8 miliardi di euro, in calo del 40% rispetto ai 109 miliardi del 2008. Ovviamente la retromarcia maggiore ha riguardato gli investimenti in azioni delle banche e delle istituzioni finanziarie in genere: dai 49 investimenti effettuati nel 2008 per 81,7 miliardi, siamo passati a 28 per 10,2 miliardi. Idem per l'altro settore dolente della crisi, quello immobiliare: gli investimenti dei fondi sovrani si sono più che dimezzati. Per contro, invece, questi grossi fondi si sono dirottati sul settore industriale: dal petrolio alle energie naturali, dalla tecnologia all'ingegneria.

E – unico dato che mostra continuità rispetto al 2008 – i fondi sovrani hanno mantenuto l'Europa come obiettivo principale: il Vecchio continente conta infatti per il 42,5% delle operazioni effettuate nel 2009. Ma anche l'Asia è cresciuta, dato che è rimasta l'area in cui sono stati effettuati il maggior numero di investimenti (in termini numerici, non di controvalore): 32 affari.
Operazione rilancio
Ma i fondi sovrani stanno cercando di reagire. Lo studio rileva infatti che il 2009, sebbene sia stato un anno di scarsi investimenti e di forti perdite, è stato anche un momento «di riflessione e di riorganizzazione». Il fondo China Investment Corporation (Cic) è quello che più profondamente ha cercato di cambiare pelle. Alla fine di febbraio ha infatti iniziato ad assumere professionisti nel settore delle materie prime, delle risorse naturali, del private equity e dell'obbligazionario, «Questo suggerisce che Cic sta reclutando talenti per una nuova fase di investimenti – si legge sullo studio – con l'obiettivo di lavorare sui titoli asset-backed e sull'economia reale». E infatti da quel momento Cic ha iniziato a diversificare maggiormente il suo portafoglio. E non è l'unico: anche i fondi della Norvegia, di Singapore e Temasek hanno rivoluzionato gli organici.

Ma la riorganizzazione è più profonda di un semplice "rimpasto". Molti fondi sovrani, per la prima volta, iniziano a coalizzarsi per affrontare al meglio alcuni investimenti particolarmente delicati. Per esempio il fondo Government of Singapore Investment (Gic) si è alleato con i fondi della Cina (Cic) e del Kuwait (Kia) per contribuire con 2,8 miliardi di dollari all'acquisizione da parte di Blackrock su Barclays Global Investors. «Questa – si legge sullo studio – è stata la prima volta in cui i fondi sovrani hanno agito insieme su un investimento di tali dimensioni, piuttosto che in ordine sparso». E, anche in questo caso, l'esempio è stato seguito da altri fondi in diverse operazioni. Forse è per questo che già nella seconda metà del 2009 – complice soprattutto il rally dei mercati – i fondi sovrani hanno nuovamente accelerato gli investimenti.

Insights
Download file
Download PDF file

FEEM Newsletter & Update

Subscribe to stay connected.

Your personal data will be processed by Fondazione Eni Enrico Mattei. – data Controller – with the aim of emailing the FEEM newsletter & Update. The use of Your email address is necessary for the implementation of the newsletter service. You are invited to read the Privacy Policy in order to obtain additional information about the protection of Your rights.

This Website uses technical cookies and cookie analytics, as well as “third party” profiling cookies.
If you close this banner or you decide to continue navigating on this Website, you express consent to the use of cookies. If you need additional information or you wish to express selective choices on the use of cookies, please refer to the   Cookie PolicyI agree