News
December 14 2009

FEEM Lecture delivered by Daron Acemoglu (Massachusetts Institute of Technology)



Rethinking the wealth of nations, by Daron Acemoglu
Introduction by Fausto Panunzi, FEEM and Bocconi University

In today's world prosperity coexists with abject poverty. Why have some societies managed to grow rapidly for several decades, while others have been unable to generate economic growth and a decent living standard for their citizens? And how can we avoid crises to ensure continued growth in today's successful societies?

While these questions have been central to social sciences for several centuries, our answers are still incomplete.

This talk will argue that it is time to reconsider the factors that are important for differences in economic growth and economic success across nations.
Institutional differences are the fundamental determinants of the wealth of nations. Once we recognize  the importance of institutions, the next challenging question relates to the political economy of institutions: why do societies choose or end up with institutions that stifle growth?

Recognizing the role of institutions and the political economy obstacles to developing growth-enhancing institutions are not only necessary to understand how much of the world is still poor and fails to generate economic growth, but also to develop a better perspective for dealing with events such as the current crisis and investing in the institutions that will ensure the continued growth of our society.

Monday, 14 December 2009, 18.00 p.m.
Fondazione Eni Enrico Mattei
Corso Magenta 63, Milan
Info: events@feem.it

***

Ripensare la ricchezza delle nazioni, di Daron Acemoglu
Introduce: Fausto Panunzi, FEEM e Università Bocconi
 

Nel mondo di oggi convivono prosperità e povertà  estreme. Perché alcune società sono riuscite a crescere rapidamente per molti decenni mentre altre sono state incapaci di generare crescita economica in grado di garantire un adeguato livello di vita alla propria popolazione? E cosa possiamo fare per evitare periodi di crisi e recessione e garantire continuità al processo di crescita nelle società avanzate?

Pur giocando questi temi un ruolo centrale nelle scienze sociali ormai da diversi secoli, le risposte sono tuttora incomplete. 

Il Prof. Acemoglu, nella sua lezione, sostiene che è arrivato il momento di riconsiderare quali sono i fattori principali che determinano le differenze nel successo e nella crescita economica dei paesi.

Il contesto istituzionale è un fattore determinante per la ricchezza di una nazione, e una volta riconosciuta l’importanza del ruolo delle istituzioni, la questione riguarda le politiche economiche da queste perseguite: perché alcune società scelgono o si ritrovano ad avere, istituzioni che soffocano la crescita?

Riconoscere il ruolo delle istituzioni e individuare gli ostacoli di  natura politica che si frappongono allo sviluppo di un contesto istituzionale in grado di stimolare la crescita economica è necessario non solo per comprendere le cause del dilagare della povertà nel mondo e l’incapacità di generare crescita, ma anche per disporre di una prospettiva migliore dalla quale affrontare situazioni come la crisi attuale e investire nelle istituzioni in grado di garantire una crescita protratta nel tempo della società.

Lunedì 14 Dicembre 2009, ore 18.00
Fondazione Eni Enrico Mattei
Corso Magenta 63, Milano
Info: events@feem.it 
 
***
Partecipazione gratuita previa registrazione scrivendo a events@feem.it o telefonando al numero 02.520.36990/33
 *La lezione sarà tenuta in lingua Inglese. Sarà  fornito un servizio di traduzione simultanea

 


Fondazione Eni Enrico Mattei

FEEM Update

Subscribe to stay connected.

Your personal data will be processed by Fondazione Eni Enrico Mattei. – data Controller – with the aim of emailing the FEEM newsletter. The use of Your email address is necessary for the implementation of the newsletter service. You are invited to read the Privacy Policy in order to obtain additional information about the protection of Your rights.

This Website uses technical cookies and cookie analytics, as well as “third party” profiling cookies.
If you close this banner or you decide to continue navigating on this Website, you express consent to the use of cookies. If you need additional information or you wish to express selective choices on the use of cookies, please refer to the   Cookie PolicyI agree